La via della manna - Parte 2

|
Prodotto tipico, dolcificante naturale, lassativo, cosmetico

La composizione chimica della manna è molto complessa e dipende da diversi fattori tra cui: il tipo di manna, la zona di provenienza, l'età del frassino e la sua esposizione, l'andamento stagionale.
Il principale e caratteristico componente della manna è il mannitolo o mannite (C6H14O6) (40-60%). Altri componenti sono zuccheri (glucosio, fruttosio e altri polisaccaridi, come il manninotrioso e lo stachiosio), elementi minerali (1-3%), vitamine, enzimi, mucillagini, pectine, tannini. La manna pura contiene anche circa il 10% di acqua. 
 Composizione

Nella tabella sotto sono riportati i valori in percentuale dei costituenti della manna e della manna in cannolo.

  Manna in rottame % Manna in cannolo %
Mannite 40 55
Glucosio 3 2,2
Fruttosio 3,04 2,05
Stachiosio 16 12-16
Mannotriosio 16 6
Sali (Fe, Al, Cu, Mn) 2 1,5
Frazione proteica  0,01 0,005
Sostanze non note 9.06  10,8
Acqua 10 10


Mannite naturale e artificiale
La "mannite naturale" è solo quella ricavata dall’incisione dei frassini da manna, perché contiene una percentuale molto elevata di mannitolo (o mannite). In commercio è reperibile anche la "mannite artificiale", che si ricava dalla fermentazione del melasso di barbabietola operata da alcuni schizomiceti capaci di convertire gli zuccheri della melassa in mannitolo. La "mannite naturale" presenta una sofficità maggiore di quella artificiale e contiene tanti altri principi attivi. Questa è la caratteristica che rende molto più pregiata e completa la manna naturale dalla mannite commerciale prodotta per sintesim chimica.
Vediamo di fare un po’ di chiarezza e di vedere perché conviene comunque rivolgere l'attenzione non tanto alla mannite come principio puro ed isolato quanto alla manna nel suo insieme.
La mannite è il principale principio attivo presente nella manna e svolge diverse funzioni nell'organismo umano. Il fatto che la percentuale di mannite nella manna non sia costante è un fattore positivo, poiché consente di usare non un farmaco dosato in tutti i suoi componenti, ma un vero e proprio alimento, che, al pari di tutti gli altri alimenti di origine vegetale, presenta una certa variabilità qualitativa e quantitativa dei principi attivi contenuti.

Nei prodotti naturali vi è un certo sinergismo tra i vari costituenti. Sono proprio i cosiddetti componenti minori a svolgere una funzione complementare e in qualche modo rafforzativa del componente principale. Questo effetto è conosciuto come azione sinergica. Il patrimonio di elementi minerali, vitamine, enzimi, mucillagini, tannini ecc. della manna, non eliminabili durante il processo di cristallizzazione, sebbene presenti in percentuale non molto alta, sono i responsabili dell’azione sinergica della manna naturale, che è stata osservata in alcune ricerche sperimentali. I ricercatori hanno studiato e comparato il comportamento farmacologico della mannite naturale, estratta cioè dalla manna, e della mannite artificiale, ricavata dalla melassa di zucchero. Hanno constatato che, nonostante i due composti non presentino sostanziali differenze chimiche, svolgono azioni farmacologiche diverse. Infatti, la mannite naturale  stimola maggiormente la peristalsi del tubo digerente degli animali da esperimento rispetto a quella artificiale.

D’altra parte la presenza di sostanze diverse dalla mannite rendono l'azione della mannite pura più blanda e più facilmente controllabile e dosabile a piacimento.
Viceversa la mannite commerciale, a differenza della manna, non apporta altre sostanze utili al nostro organismo.
Quindi non ha molto senso scomporre un prodotto naturale per usare soltanto un principio attivo. Utilizzare un solo costituente ed eliminare gli altri significa assumere qualcosa di incompleto e di squilibrato. Parlando di manna, è un non-senso utilizzare la mannite al posto della manna che ha ogni componente nelle sue giuste proporzioni.

 

Valore biologico della manna
La manna è in primo luogo un lassativo leggero esente da controindicazioni, particolarmente adatto alla primissima infanzia, alle persone molto anziane debilitate e convalescenti; viene somministrata generalmente disciolta nel latte, sfruttandone anche il potere dolcificante.
La manna è anche un dolcificante naturale a basso contenuto di glucosio e fruttosio, utilizzabile come dolcificante per diabetici.
È un regolatore e rinfrescante intestinale, purifica l'apparato digerente da tossine e appesantimenti dovuti a cattiva alimentazione.
La manna ha una benefica azione sull'apparato respiratorio: infatti si comporta da fluidificante, emolliente e sedativo della tosse: pezzetti di manna sciolti in bocca lentamente hanno proprietà espettoranti. La manna è innocua e priva di azioni secondarie rilevanti, cosa che tra l'altro la rende particolarmente raccomandabile in pediatria.
La manna è anche un cosmetico naturale:
- rende liscia e morbida la pelle

-  spiana le rughe
-  favorisce la cicatrizzazione delle ferite e una riduzione del gonfiore
-  può essere usata come collirio nelle congestioni oculari.

 

Ricette ad uso farmacologico

Lassativo.

Ingredienti. Manna in cannolo: 30 g; acqua calda: 100 g.
Procedimento. Si agita, si scioglie, si filtra. L'intera quantità in una sola volta..


Purgante
Ingredienti. Manna: 60 g; Latte parzialmente scremato: 150 gr.
Procedimento. Si riscalda il latte e vi si scioglie la manna. Filtrare. L'intera quantità in una sola volta.


Rinfrescante per bambini (5-8 anni)
Ingredienti. Manna in cannolo: 10 gr; Menta in foglie: 1 g; Acqua: un bicchiere.
Procedimento. Preparare l'infuso di acqua e menta. A caldo aggiungere la manna e fare sciogliere. Filtrare. L'intera quantità in una sola volta.


 


 

Ricetta Gastronomica

PANE DOLCE
Ingredienti. Manna in cannolo: 100 gr; Farina integrale: 500 gr; Lievito di pasta acida: 50 gr; Acqua: 100 mL; Olio extravergine d'oliva: 5 cucchiai; Latte intero: q.b. Facoltativi. Mandorle spezzettate, nocciole spezzettate, sesamo o germi di grano: 100 gr. in totale.
Procedimento. Si amalgamano 500 grammi di farina integrale con lievito di pasta acida e con 100 grammi di acqua in cui si sono sciolti 100 grammi di Manna, 5 cucchiai di olio di oliva e tanto latte intero quanto basta per ottenere una pasta elastica e compatta.. Si lascia fermentare la massa molto bene e poi si fanno 10 panini. Passare al forno a 230° C per 15/20 minuti, fino ad ottenere la doratura dei panini. Si può arricchire l'impasto con mandorle, noci (entrambe spezzettate), sesamo o germi di grano. Comunque, la quantità totale di questi ingredienti non deve superare i 100 grammi, altrimenti il pane non lievita bene.


Ricetta cosmetica per il bagno di avena e manna
Ingredienti. Acqua: 5 l; Avena frantumata: 1 kg; Latte intero: 2 l; Manna in rottame: 1 kg.
Procedimento. Cuocere in 5 litri di acqua 1 kg di avena frantumata per 10 minuti. Unire a tale decotto, 2 litri di latte intero in cui si è sciolto 1 kg. di manna in rottame. La miscela ottenuta si versa nell'acqua tiepida del bagno.  Il bagno di avena e manna, emolliente, rinfrescante e ammorbidente, deterge in profondità, idrata e nutre la pelle. E' particolarmente adatto per le pelli sciupate, stanche, nervose e avvizzite.

 

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione