Ridimensionato l'allarme sulla presunta cancerogenicità della carne rossa fresca e trasformata

|
Dieta varia, cibo e salute, carni, cancerogenicità, dieta mediterranea

 

La Consulta Nazionale per la Sicurezza Alimentare (CNSA)  ha emanato il parere richiesto dal Ministro della Sanità all'indomani della diffusione del rapporto IARC sulla relazione tra consumo di carni rosse fresche e trasformate e l'incidenza del tumore colon-rettale. Gli esperti della CNSA hanno esaminato la questione e, pur dichiarando di aspettare la pubblicazione dei dati completi (prevista per la seconda metà del 2016) ha sostanzialmente ridimensionato il problema.

Alla base del parere della CNSA c'è la constatazione che il tumore al colon-retto, come tutte le neoplasie, sia il risultato di più fattori e sia innescato dall’interazione tra ambiente, stile di vita e genetica. La CNSA ritiene che, in questo quadro generale, risultino particolarmente rilevanti: eccesso ponderale, sedentarietà, scarso consumo di fibre, l’eccesso di calorie nella dieta, lo stile di vita nel suo complesso, compreso quello alimentare.

Di particolare interesse risultano le conclusioni a cui perviene la CNSA al termine del suo approfondimento della materia, che invitiamo a leggere.

In pratica, non solo un ridimensionamento dell'allarme suscitato dal rapporto IARC ma una vero e proprio attacco a tutte le diete e modelli alimentari, compresi quello vegetariano e vegano, che si sono diffuse anche a causa di informazioni spesso non corretta.

Qui sotto il testo completo del parere della CNSA.






Ministero della Salute

SEZIONE SICUREZZA ALIMENTARE- CNSA (COMITATO NAZIONALE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE)
PARERE N. 15 DEL 4 FEBBRAIO 2016
Parere sul rischio legato alla cancerogenicità delle carni rosse fresche e trasformate
Visto l’abstract della monografia n. 114 (pubblicato su “the Lancet Oncology”) dell’Agenzia
internazionale per la ricerca sul cancro (IARC/OMS) relativa alla valutazione della cancerogenicità
della carne rossa trasformata e della carne rossa fresca;
Considerato che tale monografia sarà pubblicata integralmente nella seconda metà del
2016;
Vista la richiesta di parere inoltrata dalla Direzione generale per l’igiene e la sicurezza
alimentare e la nutrizione (Prot. 0041113-P-30/10/2015) alla Sezione sicurezza alimentare del
CNSA con la quale viene richiesto: “approfondimento della tematica diffusa attraverso una
pubblicazione dello IARC circa il rapporto carni trasformate e carni rosse fresche/ aumento
dell’incidenza del tumore colon-rettale orientato ad una valutazione del rischio su base nazionale
che tenga conto delle abitudini alimentari in Italia”;
Considerato che i dati di supporto al lavoro dello IARC non sono stati ancora resi
disponibili e che, al contrario, la loro necessaria conoscenza aiuterà a definire meglio il contesto
delle variabili entro cui si inquadrano le conclusioni dello IARC stesso;
Considerato che l’effetto cancerogeno è, in particolare, da attribuire a metaboliti e sostanze
che si formano in seguito a determinate modalità e abitudini di cottura e di trasformazione e
lavorazione, tra cui: nitrati e nitriti che vengono anche aggiunti nel processo di trasformazione delle
carni e insaccati a scopo conservativo (antibatterico); ammine eterocicliche (HCAs), e idrocarburi
policiclici aromatici (PAHs), che, in particolare, si possono sviluppare nella cottura alla griglia o al
barbecue e in tutti gli alimenti ricchi di proteine e grassi quando questi vengono cotti a temperature
molto alte;
Considerato che l’insorgenza del cancro è un evento probabilistico e multifattoriale e
coinvolge varie componenti di natura individuale (predisposizione genetica, stato ormonale),
comportamentale (quali fumo, abitudini alimentari, stato nutrizionale, attività fisica) e ambientale
(quali radiazioni solari, esposizioni professionali).
Considerata l'importanza della carne quale fonte proteica ad alto valore biologico, di
aminoacidi, vitamine, sali minerali e metalli (in particolare ferro e zinco) nell’alimentazione umana
e, soprattutto, in determinate fasce di età e/o stati fisiologici nonché in particolari condizioni di
salute;
Visti gli esiti dell’attività istruttoria svolta nelle sedute del 4 novembre, 9 dicembre 2015 e 4
febbraio 2016, della Sezione per la sicurezza alimentare- CNSA;
Considerato che lo stesso IARC invita i singoli Paesi a condurre una valutazione del rischio
sulla base delle abitudini alimentari del loro territorio;
Considerato che in generale le abitudini alimentari sono parte della cultura di un dato
popolo;
Tenuto conto delle specifiche abitudini alimentari italiane e del modello alimentare
tradizionalmente seguito dalle popolazioni del bacino del Mar Mediterraneo, basato sul consumo
diffuso ed equilibrato di cereali, frutta, verdura, legumi, frutta secca, olio d’oliva, moderato
consumo di vino nell’ età adulta e alternanza delle diverse proteine animali (pesce, carni bianche e
rosse, latte e formaggi, uova);
Tenuto conto degli orientamenti assunti dagli altri Stati membri costituenti l’Unione
europea, consultati per il tramite del focal point italiano;
Il Comitato Nazionale per la Sicurezza Alimentare: Sezione I (Sicurezza alimentare)
PRESO ATTO
Che la classificazione dello IARC della carne rossa fresca come “probabilmente cancerogena” e
trasformata come “sicuramente cancerogena” descrive la forza di un’evidenza scientifica
riguardante un agente riconosciuto come fattore oncogeno.
RITIENE
Che il tumore al colon-retto, come tutte le neoplasie, sia il risultato di più fattori e sia innescato
dall’interazione tra ambiente, stile di vita e genetica; che, in questo quadro generale, risultino
particolarmente rilevanti: eccesso ponderale, sedentarietà, scarso consumo di fibre, l’eccesso di
calorie nella dieta, lo stile di vita nel suo complesso, compreso quello alimentare.
Che sia necessario esaminare la monografia nel dettaglio nel momento in cui sarà pubblicata.
RACCOMANDA
- di seguire un regime alimentare vario, ispirato al modello mediterraneo, evitando l’eccessivo
consumo di carne rossa, sia fresca che trasformata;
- di prestare particolare attenzione alle modalità di preparazione e cottura degli alimenti, limitando,
in particolare, cotture alla griglia ad alte temperature e fritture;
- di seguire un'alimentazione che comporti una riduzione dell’apporto di grassi e proteine animali e
favorisca invece l'assunzione di cibi ricchi di vitamine e fibre, che possa prevenire anche le malattie
cardiovascolari oltre che quelle tumorali. Nella frutta e nella verdura, infatti, oltre alle fibre, si
trovano in misura variabile vitamine e altri componenti essenziali, il cui insieme ha un riconosciuto
potere protettivo;
- di mantenere un peso corporeo corretto durante l’arco della vita e svolgere regolarmente esercizio
fisico;
In conclusione, una sana alimentazione associata a uno stile di vita attivo rappresenta uno
strumento valido per la prevenzione, la gestione e il trattamento di molte malattie. Un regime
dietetico adeguato ed equilibrato non solo garantisce un apporto ottimale di nutrienti, in grado di
soddisfare i fabbisogni dell’organismo, ma permette anche di ricevere sostanze che svolgono un
ruolo preventivo e/o protettivo nei confronti di determinate condizioni patologiche.
IL PRESIDENTE DEL CNSA
F.to Prof. Giorgio Calabrese
IL SEGRETARIO
Direttore dell’Ufficio IV ex- SNVR
F.to D. ssa Rossana Valentini
VISTO
IL DIRETTORE GENERALE DGOCTS
F.to Dr.ssa Gaetana Ferri

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione